Risultati referendum del 4 dicembre

Ecco i risultati, per Pianengo, del referendum:

1.958 aventi diritto
1.583 votanti (80,84%)

SI = 706 (44,59%)
NO = 853 (53,89%)

SEZIONE 1
NO = 439
SI = 358
BIANCHE = 2
NULLE = 12

SEZIONE 2
NO = 414
SI = 348
BIANCHE = 5
NULLE = 5

Annunci

Risultati europee 2014

Di seguito i risultato dello spoglio delle elezioni europee 2014 per Pianengo:

  • VERDI – voti 10 (0,75%)
  • FRATELLI D’ITALIA – voti 18 (1,36%)
  • NCD – voti 42 (3,17%)
  • IDV – voti 5 (0,38%)
  • SCELTA EUROPEA – voti 4 (0,30%)
  • TSIPRAS – voti 57 (4,30%)
  • IO CAMBIO – voti 1 (0,08%)
  • M5S – voti 212 (16%)
  • FORZA ITALIA – voti 170 (12,83%)
  • LEGA NORD – voti 223 (16,83%)
  • PD – voti 535 (40,38%)
  • BIANCHE –  14 (1,06%)
  • NULLE –  34 (2,57%)
  • CONTESTATE –  0

In totale i votanti sono stati 1.325 (su 2006 aventi diritto). La percentuale di astensionismo è stata del 33,95%.

Per un maggiore dettaglio potete scaricare il documento .pdf europee 2014 pianengo.

Il lungo percorso delle primarie

Con l’8 dicembre si è giunti al termine di un importante percorso congressuale che ha eletto Matteo Renzi a Segretario Nazionale del PD.

In realtà non è un punto di arrivo e forse neanche un punto di partenza come normalmente potremmo pensare. Piuttosto è un punto di svolta, dove non c’è un azzeramento (rottamazione è un termine che proprio non mi piace), ma la scelta di prendere il meglio in termini di competenze ed esperienze ed unire nuove forze e una nuova classe dirigente.

Il rinnovamento proposto da Renzi è stato cercato e fortemente voluto dagli elettori. Nel seggio di Pianengo hanno votato 176 elettori e 103 hanno votato per lui, 53 per Cuperlo e 20 per Civati. Parlo di buona affluenza perché in linea con quelle di un anno fa dove avevano votato 176 persone al primo turno e 157 al ballottaggio tra Bersani e Renzi.

Un’affluenza, importante perché non scontata, che ha portato ad una vittoria netta del nuovo Segretario. Una vittoria che ha ribaltato le votazioni di circolo del 12 novembre e che avevano visto la vittoria di Cuperlo.

Ma il risultato di una votazione democratica che ha coinvolto quasi 3 milioni di persone, soprattutto perché così netta, deve essere accettato. In questi giorno la parola “scissione” non deve essere nel vocabolario politico del PD. Io ho votato per Cuperlo, ma da oggi Matteo Renzi è il mio segretario.

Lorenzo Lombardi
Segretario Circolo PD di Pianengo, Campagnola Cr. e Cremosano

Un martedì post-elettorale

Il giorno dopo quella che, onestamente, dobbiamo definire una sconfitta elettorale, c’è sempre un misto di rabbia, delusione, voglia di ripartire più forti di prima… Ma intanto, mi fermerei a riflettere su questa campagna elettorale, senza l’idea che sia stata tutta sbagliata, ma senza neanche la certezza che sia stata perfetta.

Certo, abbiamo “giocato” con una legge elettorale assurda, definita “porcata” dal suo stesso ideatore, Calderoli. Ma tutti hanno partecipato con le stesse regole, quindi non può essere una scusa sufficiente. È stato come quando ci si trovava al campetto con gli amici e arrivava quello più antipatico con l’unico pallone e la prima frase pronunciata era: “Il pallone è mio e decido io!”. Poco simpatico, ma siamo tutti più o meno nelle stesse condizioni.

La prima considerazione che mi viene in mente è che il PD soffra evidentemente di un deficit comunicativo. Dai risultati elettorali emerge lo spaccato di un corpo elettorale formato da macro gruppi abbastanza precisi. Da una parte lo zoccolo duro di quella fascia di popolazione, per lo più anziana, che per informarsi usa la TV. Dall’altra i più giovani che utilizzano per informarsi, e non solo, Internet. I primi catturati da Berlusconi e le sue televisioni, i secondi da Grillo e il suo blog. E il PD? …Il PD è in mezzo. Non ha televisioni e forse non ha usato nel modo giusto i nuovi strumenti messi a disposizione da Internet. Renzi, ad esempio, ha sfruttato molto bene questi strumenti e oggi molti, se non tutti, sono d’accordo che con Renzi avremmo vinto. Io personalmente non sono d’accordo, forse con la sua candidatura avremmo spostato l’elettorato più a destra, ma senza per forza riuscire ad ampliarlo e, ad ogni modo, non ne abbiamo la controprova.

Continua a leggere Un martedì post-elettorale

Risultati elezioni 24 e 25 febbraio

Ecco i risultati delle elezioni del 24 e 25 febbraio. Per comodità inseriamo i link alla pagina del Ministero degli interni per i 3 paesi che compongono il circolo.

Pianengo

Campagnola Cr.

Cremosano

Risultati primarie per i parlamentari

Ecco i risultati delle Primarie Parlamentari per Pianengo, Campagnola Cr. e Cremosano. I votanti sono stati 86:

  • Annamaria Abate, 0
  • Cinzia Fontana, 60
  • Titta Magnoli, 71
  • Alessia Manfredini, 16
  • Luciano Pizzetti, 7

Con 3 schede nulle.

Nel cremasco, invece, abbiamo un totale di votanti di 1.886: Risult_Parlamentarie_2012.

  • Annamaria Abate, 26
  • Cinzia Fontana, 1.481
  • Titta Magnoli, 1.096
  • Alessia Manfredini, 334
  • Luciano Pizzetti, 540

Potete scaricare il PDF con i risultati nel dettaglio dei vari paesi: .

A livello provinciale i risultati finali delle primarie per i parlamentari vede vincente Cinzia Fontana con 2.451 preferenze, secondo posto, Luciano Pizzetti con 2.431, seguono Magnoli 1.928, Manfredini 1.393 e Abbate 481. Il totale dei totali votanti è stato di 4.800.

Risultati primarie Patto Civico per la Lombardia

A Pianengo i votanti sono stati 77 (+2 schede bianche):

  • Umberto Ambrosoli, 51 (66%)
  • Alessandra Kustermann, 13 (17%)
  • Andrea Di Stefano, 13 (17%)

Nel cremasco, invece, abbiamo un totale di votanti:

  • Umberto Ambrosoli, 1.355 (64,9%)
  • Alessandra Kustermann, 368 (17,6%)
  • Andrea Di Stefano, 365 (17,5%)

Potete scaricare il PDF con i risultati nel dettaglio dei vari paesi: Risult_Prim_Reg_2012.

Vi ricordo che a livello regionale i votanti totali sono stai 150.604:

  • Umberto Ambrosoli, 57,66%
  • Alessandra Kustermann, 19,11%)
  • Andrea Di Stefano, 23,23%)